24° Congresso ASSIOM FOREX

Verona, 9-10 Febbraio 2018

Verona

In epoca romana, Verona fu un centro politico e commerciale di prima grandezza, di cui oggi rimangono tracce fastose, dall’Arena al teatro Romano, dall’arco dei Gavi a porta Borsari, dall'area archeologica di porta Leoni a quella degli scavi Scaligeri. Quest’ultima zona, situata al centro della città, a due passi da piazza delle Erbe, è divenuta durante il Medioevo sede del potere politico e amministrativo, e in essa si trovano armoniosamente accostate o fuse insieme le vestigia di epoche diverse: dai resti romani ai grandi palazzi del Sette-Ottocento, passando attraverso l’architettura medievale, quella fiorita sotto la signoria degli Scaligeri, quella rinascimentale.

Verona attira ancora oggi ospiti da tutto il mondo con la sua Arena, con il mito di Giulietta e Romeo e con la sua raffinata bellezza.

Tratto interessante e meno conosciuto sono le antiche mura della città delle quali si conservano ancora cospicue porzioni in ottimo stato; presenti in perimetri via via più estesi a seconda dell’epoca della costruzione, conferiscono un aspetto particolare alla città e ci permettono di ricostruirne la storia.

Se delle due cinte successive erette dai Romani rimane ben poco (solamente un breve tratto della prima lungo l’attuale via Diaz, e una parete delle "Mura di Galieno", presso l'Arena), le mura comunali tra Castelvecchio e Ponte Aleardi, ricostruite dopo l’inondazione del 1239, sono ancora in ottimo stato. Il perimetro fatto erigere dalla signoria scaligera, concluso nel gennaio 1325, che racchiudeva un’area di 450 ettari, fu sostanzialmente confermato dai Veneziani nel Cinquecento e così pure nell’Ottocento dagli Austriaci, che fecero di Verona una delle quattro città fortificata del quadrilatero.

Le porte monumentali, le mura (in ottimo stato di conservazione per ampi tratti) e le fortificazioni, alcune ancora oggi in buone condizioni, testimoniano l’importanza strategica della città, ben difesa dalle aggressioni esterne.

Verona, da sempre, è anche cultura: numerose istituzioni, quali la Biblioteca Civica e la Capitolare (il cui Scriptorium era attivo già dal VI secolo d.C.), l’Accademia Filarmonica (la più antica del mondo) e la Fondazione Arena, la Società Letteraria e l’antica Accademia d’Agricoltura, Scienze e Lettere, l’Università e il Conservatorio, ne mantengono intatta la vivacità culturale. E numerosi sono sempre stati i suoi visitatori, alcuni dei quali illustri, come Dante, Mozart, Goethe e Ruskin.

Dove siamo

Feed foto

Twitter feeds

CORSO @ASSIOMFOREX Front Office Avanzato - Equity e Derivati
Milano 9-10/6

22/05/2015