09/10/19 10:46 - Ocse propone revisione norme fiscali per multinazionali

PARIGI (Reuters) - I governi avranno più potere per tassare le grandi multinazionali che fanno affari nei loro paesi grazie alla revisione delle vecchie normative fiscali transfrontaliere annunciata oggi dall'Ocse.

L'ascesa di giganti del web come Google e Facebook ha spinto al limite le attuali norme fiscali, poiché queste aziende possono legalmente fare profitti e allocare asset come marchi e brevetti in Paesi a bassa tassazione come l'Irlanda, indipendentemente da dove si trovino i loro clienti.

All'inizio dell'anno, 130 paesi hanno convenuto sulla necessità di riscrivere le proprie norme fiscali, in molti casi risalenti agli anni '20, e hanno chiesto all'Ocse di avanzare delle proposte.

La necessità di tassare le grandi multinazionali è diventata sempre più urgente, dato che un crescente numero di Paesi ha agito in autonomia, in mancanza di un accordo globale.

"L'attuale sistema è sotto pressione e non sopravviverà se superiamo le tensioni", ha dichiarato il responsabile delle politiche fiscali Ocse, Pascal Saint-Amans, durante una conferenza stampa.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia