20/11/20 14:45 - Economie di Francia e Italia soffrono di più con secondo lockdown

di Leigh Thomas

(Reuters) - I lockdown in Francia e in Italia stanno pesando più che in altri paesi europei sulla mobilità pubblica, secondo i dati raccolti da Reuters che suggeriscono che le due economie subiranno un colpo proporzionalmente maggiore.

I dati che vanno dall'uso delle app Apple maps alla cronologia delle posizioni degli utenti di Google si stanno dimostrando strumenti fondamentali per governi, banche centrali e investitori che cercano di valutare l'impatto economico delle restrizioni, con settimane di anticipo rispetto agli indicatori convenzionali come la spesa dei consumatori o la produzione industriale.

L'agenzia di statistica ufficiale francese Insee ha scoperto che i dati che Google è in grado di raccogliere sul tempo trascorso a casa dai cittadini sono strettamente correlati a quanto l'economia abbia rallentato durante la crisi.

E, sebbene l'impatto non sia neanche lontanamente grave quanto lo è stato durante la prima fase di drastiche misure di restrizione, i dati suggeriscono che in Francia, Italia e Gran Bretagna i cittadini stanno attualmente assistendo all'aumento maggiore del tempo trascorso a casa.

Parigi e Milano hanno registrato le riduzioni più nette della congestione del traffico e l'Italia ha visto il calo più marcato dell'utilizzo dei trasporti pubblici, seguita da Paesi Bassi, Regno Unito e Francia.

Il "lockdown lite" imposto dalla Germania il 2 novembre ha determinato una tenuta delle attività di gran lunga migliore rispetto ai paesi che hanno optato per misure più severe, come la chiusura di tutti i negozi e dei servizi essenziali.

Anche la Spagna è stata tra le più colpite nella prima ondata, ma l'attività sembra resistere meglio dopo aver imposto lo stato di emergenza di sei mesi alla fine di ottobre, dando alle regioni il supporto legale per attuare il coprifuoco e limitare i viaggi.

Nel complesso, i paesi stanno subendo un impatto minore rispetto alla prima ondata di blocchi, dopo che i governi hanno opportunamente calibrato le restrizioni per limitare le ricadute sull'economia. A titolo di confronto, la mobilità si aggira intorno agli stessi livelli di maggio.

In un caso specifico, la Francia ha registrato un forte calo dell'attività da quando il governo, uno dei primi in Europa, ha imposto nuovamente il lockdown totale il 30 ottobre.

Tuttavia, il calo non è stato grave come nei mesi di marzo e aprile, con le nuove restrizioni che hanno permesso una maggiore flessibilità per le aziende e le scuole sono rimaste aperte.

Anche altri indicatori in tempo reale, come il consumo di elettricità, mostrano un impatto limitato della nuova ondata di restrizioni in tutta Europa, sebbene, con l'inverno alle porte, il clima più freddo stia alimentando la domanda.

Nel frattempo, i governi hanno in gran parte risparmiato i settori industriali con le nuove restrizioni, con il settore dei servizi a subire maggiormente le conseguenze.

Un indice che misura i chilometri a pagamento percorsi dai camion dell'agenzia ufficiale di statistica tedesca, che dovrebbe rappresentare un campanello d'allarme per la produzione industriale della più grande economia europea, è attualmente a livelli alla pari con quelli registrati prima che scoppiasse la crisi sanitaria.

Mentre l'attività economica complessiva si è raffreddata ancora una volta verso la fine dell'anno, alcuni indicatori tradizionali della salute economica, come disoccupazione e dichiarazioni di fallimento, non sono ancora in rosso.

Tuttavia, è probabile che ciò sia dovuto alle misure di sostegno del governo, come i piani di congedo sovvenzionati e i prestiti bancari garantiti dallo Stato alle aziende, che tengono a galla consumatori e imprese, almeno per ora.

((Tradotto da Redazione Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614))